Sabato 31 marzo è l’Ora della Terra

Domani sabato 31 marzo, dalle 20 e 30 alle 21 e 30 sarà l’ora della terra: tutti coloro che vorranno aderire all’iniziativa lanciata dal WWF dovranno tenere le luci elettriche spente; un gesto simbolico contro i cambiamenti climatici ma anche l’impegno, concreto, di ognuno sulla strada della sostenibilità.

Roberto Bolle, primo ballerino della Scala da Castel Sant’Angelo  aprirà ufficialmente il via agli spegnimenti   insieme a Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF talia, e a Jim Leape, direttore generale del WWF International. La scelta di Roberto Bolle non è casuale, ma legata direttamente al teatro di Milano che quest’anno per la prima volta aderirà all’iniziativa. Si terrà anche un eco-spettacolo a Roma con ospiti con Elisa e Nicolò Fabi alimentato da 128 ciclisti volontari che produrranno energia per illuminare il palco e lo faranno suonare. Moltissimi comuni di tutto Italia hanno già aderito. I grandi monumenti d’italia che si spegneranno, oltre al Teatro alla Scala saranno:  la cupola di San Pietro a Roma, piazza San Marco a Venezia, la Torre di Pisa, il Duomo di Firenze, il Battistero e Ponte Vecchio, la Mole Antonelliana a Torino, i Sassi di Matera, l’Acquario di Genova, la Valle dei Templi di Agrigento e molti altri. Lo scorso hanno hanno aderito all’iniziativa 5.200 città in 135 nazioni in tutto il mondo.

Share

Archiviato in: Ecologia

Tags: , , , , ,

MOQU ADV Srl P.I. 06287670480